L'INIZIATIVA

Il progetto “Il suono della guerra” nasce in seno all'associazione CSM APS, dall'idea di poter contribuire attivamente alla costruzione di un archivio della memoria storica del Lazio, in un progetto più ampio promosso dalla stessa Regione. “Il suono della guerra” ovviamente non si ferma alla ricerca in ambito locale ma estende l'interesse a livello mondiale, raccogliendo testimonianze di diversa natura sparse per il mondo e, fin ora, non sempre salvaguardate e diffuse con la meritata attenzione rispetto il valore storico. Oggi, grazie ad una impegnativa ricerca e grazie a quanti hanno donato documenti storici privati, l'archivio si compone di una collezione composta da:

  • foto rappresentative di strumenti musicali e di musicisti, tutte istantanee uniche ed originali;
  • foto storiche rappresentate da ristampe autentiche risalenti al periodo 1944-1952 e che documentano i principali avvenimenti della guerra;
  • diversi quotidiani italiani ed esteri del 1944 con articoli relativi alle notizie belliche, soprattutto riferite al Lazio;
  • particolari cartoline originali raffiguranti partiture di canzoni popolari;
  • alcuni strumenti musicali storici e particolari oggetti riconducibili al “suono” udibili durante la Seconda Guerra Mondiale.

La divulgazione e promozione di quanto raccolto avviene attraverso eventi organizzati dall'associazione CSM APS nonché attraverso la partecipazione della stessa a manifestazioni, esposizioni e mostre organizzate da diversi altri enti.

 

INTRODUZIONE

Pensare al suono della guerra dovrebbe essere un processo cognitivo costruito non solo attraverso le testimonianze dirette che oggi ci pervengono e che possono essere colte da un racconto oppure da un'esibizione di musicisti, o ancora dall'ascolto di una musica incisa su un supporto. Bisogna invece allargare il punto di vista lasciandosi guidare anche dalla propria sensibilità percettiva, guardando ad esempio una foto o leggendo una lettera, immaginando (potremmo dire ascoltando) così il suono che quell'ambiente, quello spazio, o più in generale, quel contesto visivo poteva un tempo rappresentare.

IL PROGETTO

Il concetto di suono, in questo progetto, è legato alla Seconda Guerra Mondiale non solo in quanto rappresentativo della musica, o degli strumenti musicali oppure di musicisti, ma come suo significato più semplice, o più ampio dipende dal punto di vista, che ha caratterizzato le giornate di un periodo storico di particolare importanza.

IL LOGO

Il logo si compone di un disegno con sei fili spinati, uno a spirale che simboleggia la chiusura, la reclusione, la sottomissione, il silenzio e il soffocamento della parola come del pensiero. Altri 5 fili formano un pentagramma musicale caratterizzato da note costituite da spine, ovvero la rappresentazione del suono usato spesso per occultare la verità oppure per ingannare.

KIT PRESS

Il kit contiene l'insieme di materiali, immagini, contenuti, file e informazioni relative al progetto utili per essere utilizzati dalla stampa.